Ciambella ricotta e cioccolata · ricette dolci

Non tutte le ciambelle escono col buco!

Ebbene sì, non c’è titolo più azzeccato di questo, cade proprio a pennello per questo weekend!

Ma facciamo un passo indietro: la settimana scorsa abbiamo osservato il turno di riposo, come avete potuto leggere dallo scorso articolo (se ve lo siete perso, andate subito 😊), siamo rimaste a Ravenna in zona arancione e ci siamo riposate tra serie tv, divano e qualche merenda in compagnia!

Martedì siamo tornate a lavoro rigenerate dal riposo: sedute in sala pesi e poi al PalaCosta, per riprendere gli allenamenti con la palla, esercizi di tecnica per ruoli e gioco di squadra. Siamo solo a metà novembre, i gironi Est e Ovest composti rispettivamente da 9 e 10 squadre sono molto brevi e concentrati, così eccoci qua alla prima giornata di ritorno contro Cutrofiano Volley. La squadra pugliese è prima in classifica, ancora imbattuta in casa e con una sola sconfitta 3/0 contro Volley Soverato.

La partita di andata, nostro esordio di stagione in campionato, fu caratterizzata da molti alti e moooolti bassi, le pugliesi tennero sempre il vantaggio nei vari set, eccetto il terzo che si vinse 25-11 per poi rinunciare malamente al quarto.

In settimana non mi sono fatta mancare nulla: mercoledì un po’ di mal di schiena, un classico dei dolori visto i 2948510 salti che facciamo in questo sport e i kg di squat che carichiamo in sala pesi (vi assicuro che non sono i pesi della Barbie 😉), poco agevolati dalla mia “splendida” postura da studentessa davanti al pc che assumo nel tempo libero. Venerdì si aggiunge un altro fattore prettamente femminile alla lista dei dolori: il ciclo mestruale. Insomma ragazzi e ragazze, la mestruazione non è tabù, le donne hanno il ciclo mestruale, quel famoso periodo di “indisposizione” che almeno una volta al mese si presenta facendoci sbalzare gli ormoni a destra e sinistra, cambiare umore ogni 20 secondi e mangiare la pizza con sopra nutella. In quante si riconoscono? E in quanti avete dovuto subire questi momenti? (sto ridendo)

Quindi cosa avreste fatto voi sabato? Un dolce ovvio! La mia coinquilina Rebecca era qualche settimana che recriminava qualche torta più golosa (non light come quella di mele 😉), e come potevo darle torto, aggiungendo il fatto che anche io fossi sballata e desiderassi mangiare cioccolata!

Allora, nel mio sabato pomeriggio libero, prima ho fatto rifornimento degli ingredienti necessari, poi ho dato sfogo alla creatività e dopo cena io e la Rebe abbiamo assaggiato la creazione. Una bomba di energia! Calda e soffice, la ciambella appena sfornata ha avuto vita breve.. Non ci vergogniamo a dirlo: abbiamo mangiato due fette a testa!

Comunque, nella sommatoria di acciacchi fisici, sembravo un tronchetto di legno, rispetto alle mie doti elastiche, ma domenica ero in campo fresca come un fiore grazie al fisio (santo subito!) e mi ha permesso di fare 4 bei muri. (E forse anche per l’energia della ciambella😊).

La partita è stata combattuta, ogni set tirato e caratterizzato da lunghi scambi. Meritavamo di vincere o almeno prendere un punto al tie break: come squadra abbiamo avuto un bel atteggiamento ed approccio alla partita, nulla a che vedere con il match di andata, ma ciò nonostante (ahimè) è terminata 1/3 per le avversarie, molto più fredde e più ciniche nei momenti decisivi rispetto a noi.

I parziali 1/3: 25-22 / 19-25 / 21-25 / 25-27.

Insomma non sempre si può ottenere il meglio, come non tutte le ciambelle escono col buco… forse 😉! Date un’occhiata alla ricetta di oggi!


Ingredienti per tortiera 26 cm:

  • 240 gr farina 00
  • 180 gr zucchero
  • 3 uova
  • 250 gr ricotta
  • 80 gr olio di girasole
  • 150 gr cioccolato (fondente, bianco, gocce di cioccolato)
  • 1 bustina di lievito

Procedimento: iniziamo sbattendo uova e zucchero con le fruste in una terrina fin quando non diventano chiare e spumose, successivamente aggiungiamo la ricotta e l’olio a filo continuando ad amalgamare il composto.

Poi passiamo al setaccio farina e lievito, lo aggiungiamo poco alla volta all’impasto in terrina e infine il tocco goloso… sminuzzare al coltello la cioccolata (io ho usato cioccolato fondente e bianco) o usare le gocce di cioccolato già pronte, e mescolarle nell’impasto.

Imburrare uno stampo da ciambella, mettervi il composto e decorare con scaglie e gocce di cioccolata. Infornare per 40’ a 180°, fino a doratura. Sfornare e lasciare raffreddare prima di tirarla fuori dallo stampo. E via le danze alle papille gustative! 😊

Classificazione: 5 su 5.

ricette dolci · Torta alle mele senza burro

SuperClassico

Prendete il weekend con il turno di riposo, la zona arancione, un po’ di ingredienti ed il post è servito!

Oggi mi sono dilettata nella più classica delle ricette, quella che fai con le nonne da piccola, o nel mio caso, con mia mamma che mi tagliava le mele ed io che impastavo con tanto amore. Ebbene sì, non so per quale motivo i dolci di mia mamma non lievitavano o non riuscivano (è brava eh, non voglio sminuirla 😊), e quindi mi chiamava sempre in causa per le occasioni golose.

Le donne di casa

Proprio ieri durante la videochiamata con i miei e mia sorella Giulia, rinchiusi in zona rossa in Toscana, abbiamo ricordato questi momenti ai fornelli e quelli molto più recenti del lockdown di marzo. Vi dico solo che abbiamo fatto un contest in famiglia per il menù più avvincente e gustoso, ogni weekend a turno ognuno di noi si dilettava in qualche piatto e gli altri votavano: la #GuidiCookingChallenge!  Siete curiosi di sapere come è finita?

Ve lo dico dopo la ricetta 😉

Ingredienti per tortiera 26 cm:

  • 3 mele medie
  • 200 gr di farina 00
  • 170 gr yogurt greco 0% (a temperatura ambiente)
  • 2 uova
  • 150 gr zucchero
  • 50 gr olio di semi di girasole
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 limone (scorza e succo)
  • Cannella q.b.

Procedimento: Iniziare sbucciando le mele, tagliandole a fettine e mettendole da parte in una ciotola con il succo di limone (onde evitare che si anneriscano).

Adesso passiamo all’impasto: utilizzando le fruste elettriche e una terrina, dobbiamo montare le uova con lo zucchero e la scorza di limone grattugiata finché l’impasto non diventa spumoso; dopodiché aggiungiamo l’olio a filo continuando a mescolare con le fruste.

Setacciamo la farina con il lievito e incorporiamo un cucchiaio all’impasto nella terrina, poi lo yogurt, la cannella a piacimento, e infine tutta la farina continuando a mescolare per togliere i grumi. Dovremmo ottenere una consistenza liscia e corposa.

Passiamo a infornare! Versiamo l’impasto nella teglia e decoriamo con le fettine di mela a nostro piacimento! Per un tocco goloso cospargete la superficie con due cucchiaini di zucchero e cannella, e via in forno per 45’ a 180°.

Ecco il risultato della Challenge: mio babbo cucinava le pizze surgelate, mia mamma solo menù light (vista la sedentarietà della quarantena), io e mia sorella ci siamo contese il titolo…. Ed ho vinto! Anche se Giulia aveva provato a barare! 😉

Insomma, spero di avervi fatto sorridere, addolcire ed aver rievocato qualche bel ricordo! Alla prossima!

ricette dolci · Sbriciolata ricotta e cioccolato

Le paste del capitano

Olimpia Teodora Ravenna

Eccoci all’esordio! Sia in campo, da capitano di una giovane talentuosa squadra di pallavolo di serie A2, sia in cucina, con le prime paste della stagione. Quest’anno la stagione sportiva è inusuale rispetto gli altri anni a causa del Covid-19, ci alleniamo ogni giorno in palestra con le dovute precauzioni: gel sanificanti, mascherine e tamponi, ma non avremmo mai pensato che la pandemia mondiale ci distanziasse così tanto, anche in campo attraverso una rete!

Chi l’avrebbe detto che un giorno il saluto prima della gara sarebbe stato in fila ordinata sui 3 metri del campo? Ad applaudire agli avversari, visto che gli spalti si sono svuotati del pubblico? O che il sorteggio tra capitani non si sarebbe più svolto con strette di mano, bensì con pugnetti o gomitate?

Fatto sta che un esordio va festeggiato e mi sono presa del tempo in cucina per divertirmi! A parte che, diciamocelo, ogni scusa è buona per cucinare! Lunedì libero: un classico lunedì post partita, la famosa giornata di riposo dell’atleta, che ognuno può trascorrere nel modo che preferisce. C’è chi esce in giro per i negozi, chi deve studiare per un esame, chi si dedica al relax e serie tv, e poi ci sono io: compro gli ingredienti per fare un dolce, metto la musica a palla e inizio a pasticciare! Inoltre sapere che la torta andrà a soddisfare i palati delle mie compagne mi stimola ancora di più, non c’è cosa più bella che vedere le persone attorno a te FELICI con un piccolo gesto. 🙂

Ingredienti per tortiera 28 cm:

  • FROLLA:
    • 300 gr. farina 00
    • 115 gr. burro
    • 1 uovo
    • 150 gr. zucchero
    • 1/2 bustina lievito per dolci
  • RIPIENO:
    • 400 gr. ricotta
    • 150 gr. cioccolato (barretta o gocce di cioccolata)
    • 150 gr. zucchero
    • gocce di cioccolata per decorare

Procedimento: Impastare gli ingredienti della frolla in una terrina, divertendosi a impiastricciarsi le mani creando un composto di frolla sbriciolato tipo crumble. Metterlo in frigo a riposare per 30′.

Nel frattempo pensiamo al ripieno: frullare con un minipimer la ricotta con lo zucchero e aggiungere le scaglie di cioccolato tritate (al coltello o nel tritatutto, oppure le gocce di cioccolato se le avete preferite alla barretta) da incorporare.

Prendiamo una teglia da imburrare, modelliamo la frolla (non tutta) per creare il fondo della nostra torta, mettiamo il composto di ricotta e cioccolato e infine ricopriamo con la frolla sbriciolata e gocce di cioccolato. In forno per 35′ a 180°. Controllare bene che avvenga la doratura in superficie!

Sbriciolata ricotta e cioccolato

Giuro che nei prossimi articoli migliorerò e vi condurrò a veri e propri disastri in cucina! Avendo portato la torta in palestra è mancata la foto del taglio per mostrarvi il ripieno, ma vi assicuro che era buonissima, le mie compagne possono confermare. 😉

Classificazione: 1 su 5.