Cheesecake · ricette dolci

Restart!

È passato un anno. Era esattamente il 23 febbraio 2020. Ricordo quella giornata come fosse ieri.

È stata l’ultima partita disputata sul taraflex rosa della scorsa stagione: la vittoria al Geopalace di Olbia, altri tre punti per la corsa ai playoffs della pool promozione, gli abbracci nella foto di rito, il terzo tempo allestito a bordo campo per festeggiare con prodotti tipici sardi perché, come ci spiegavano loro, eravamo avversari sul campo ma un’unica famiglia del volley!

Il caso di Codogno era stato pubblicato dalla stampa il 21 febbraio, in quel viaggio in aereo da Bologna a Olbia il primo caso covid19 ci sembrava così lontano e possibilmente circoscritto al comune, eravamo ancora ignare che la pandemia potesse fermarci. Dopo la partita, l’allarmismo a livello nazionale scatenò panico in tutte noi: credevamo di non poter rientrare a Ravenna perché la Sardegna voleva bloccare gli spostamenti e isolarsi, di non poter fare la spesa perché i supermercati svuotati nel weekend non si sarebbero riforniti in tempo, tutti i nostri progetti smantellati in un giorno. Non sapevamo cosa ci aspettava.

Sono cambiate molte cose da quella giornata, ma che dico, una miriade… un milione di cose! Fermandomi a pensare e rivivendo questi ricordi mi sembrano un’altra vita, ma com’è cambiato il mondo? Il mondo sportivo? Noi?

Ci siamo abituati alle nostre routine: dalla sanificazione alla mascherina perenne, dai tamponi settimanali ai saluti con il gomito, ma cavolo, quanto mi manca tutto quello che c’era prima. Un mondo lontano adesso. Il pubblico, le strette di mano alle avversarie, i saluti a fine gara, gli abbracci ad amiche lontane, le cene con i tifosi migliori da desiderare: la famiglia e le compagne!

Finalmente dopo un lungo mese di pausa torniamo a giocare: una pool salvezza che ci sta stretta e ci vede seconde in classifica con 25 punti. La squadra non si è tirata indietro, siamo atlete agoniste, vogliamo la competizione e non vediamo l’ora di andare a giocarci la nostra chance di entrare nei playoff. Nessuno ci ha detto che sia facile, anzi non lo sarà, ne siamo consapevoli. Ma giocheremo ogni partita come fosse l’ultima, solo i risultati e la crescita ci porteranno avanti, passo dopo passo, verso l’obbiettivo.

Staccare un po’ la spina nei weekend liberi è servito molto perché la stagione si sta prolungando e bisogna preservare le forze fisiche, ma soprattutto quelle mentali, per rimanere lucide nei momenti topici del campionato.

Ho avuto occasione di visitare Bologna e sentirmi viaggiatrice per un giorno: l’ultima volta che ho fatto la turista erano mesi fa d’estate, e in questa città in particolare saranno almeno 8 anni che non ci mettevo piede. Mi affascina perdermi nelle città, o nei borghi, girovagare e scoprire gli angoli più nascosti, percorrere i vicoli più tipici e vedere la vita vera dei luoghi senza itinerari precisi. Osservare, captare e immortalare qualche scorcio. Se poi avete l’amica fotografa, questi sono i suoi risultati. Andate a scoprire le foto di Julia Kavalenka al https://kavs2300.wixsite.com/artsylens.

Cheesecake ai frutti di bosco

Ingredienti per stampo 26cm:

  • 400 gr di ricotta
  • 250 gr di Philadelphia
  • 150 gr Yogurt greco
  • 250 gr di biscotti secchi
  • 150 gr di zucchero
  • 100 gr di burro
  • 3 cucchiai di farina 00
  • 1 scorza di limone
  • 4 uova

Procedimento:

Ho rivisitato il New York Cheesecake a modo mio con ingredienti più light nella parte morbida dei formaggi, utilizzando ricotta e yogurt. Per preparare il dolce cominciamo dal fondo. Raccogliamo i biscotti nel vaso del mixer e polverizzateli. Aggiungiamo il burro fuso a temperatura ambiente. Azioniamo nuovamente l’apparecchio fino a ottenere un composto omogeneo. Trasferiamolo all’interno di uno stampo a cerniera.

Aiutiamoci con le mani e facendo una certa pressione, rivestiamo prima i bordi e poi la base con la polvere di biscotti. Poniamo in frigorifero a rassodare per l’intera durata della ricetta. Nel frattempo in una ciotola lavoriamo con le fruste elettriche, il formaggio fresco con lo yogurt, lo zucchero semolato, la scorza di limone grattugiata. Dobbiamo ottenere un composto omogeneo a cui aggiungere le uova una alla volta e la farina per addensare.

Quando abbiamo ottenuto un composto liscio e ben amalgamato, versiamolo sulla base di biscotti che avrete prelevato dal frigorifero. Livelliamo e mettiamo nel forno già caldo a 160° per 1 ora e poi altri 30 minuti con carta alluminio sopra per non bruciare la superficie. Una volta cotta lasciamola raffreddare e poi serviamola con la confettura che più vi piace! Vi consiglio di usarne una acidula, come frutti di bosco, che spezza il gusto dolce dei formaggi. 🙂


In bilico: devi continuare a muoverti per stare in equilibrio!

Eccoci qua con un nuovo articolo online! Vi sono mancata? 😊 Come avrete immaginato, io scrivo quel che mi passa per la testa, pensieri, flussi di coscienza e su come io e le mie compagne trascorriamo le giornate nella nostra vita da atlete. Dall’ultimo articolo avrete capito che la nostra situazione di campionato è in… Continua a leggere In bilico: devi continuare a muoverti per stare in equilibrio!

Chi si ferma è perduto!

Nell’inizio di questo 2021 ci sono stati strascichi del 2020, sembra un po’ il continuo di un sequel. Gennaio è stato un periodo difficile e arduo, partite toste per punti pesanti dopo un lungo stop. Inutile negarlo: il campionato va giocato, non ci si può solo allenare. Tutti i giorni trascorsi in palestra a farci… Continua a leggere Chi si ferma è perduto!

ricette dolci · Torta tenerina

In bilico: devi continuare a muoverti per stare in equilibrio!

Eccoci qua con un nuovo articolo online! Vi sono mancata? 😊

Come avrete immaginato, io scrivo quel che mi passa per la testa, pensieri, flussi di coscienza e su come io e le mie compagne trascorriamo le giornate nella nostra vita da atlete. Dall’ultimo articolo avrete capito che la nostra situazione di campionato è in stallo, più di quello che avevamo preventivato.

Nel nostro girone, Soverato avrebbe dovuto negativizzarsi dal covid19 entro fine gennaio e giocare le partite di recupero entro il 14 di febbraio, ma ovviamente ciò non è successo! Il tutto posticipato di una settimana, e fin qui diremmo “Tutto bene se fosse questione di una sola settimana…”  E invece, colpo di scena, nel Girone Ovest Pinerolo ha presentato casi positivi e si è dovuto posticipare ulteriormente altre gare! Un disastro! La Lega è costretta a rinviare la seconda fase al 28 febbraio, preventivando lo slittamento del campionato fino a metà maggio. E noi non giochiamo dal 24 gennaio, giusto così per precisare. ☹

A livello mentale e fisico è estenuante: rimanere ogni giorno concentrate sull’allenamento, senza intravedere obiettivi imminenti, senza testare i risultati del lavoro svolto con fatica in palestra. Per non parlare della preparazione fisica, io non sono laureata nel settore, ma è decisamente improponibile ipotizzare stati di forma in base all’importanza dei match, o ai carichi di allenamenti o alla stanchezza delle trasferte.

Questa stagione è veramente anomala. Il Covid19 è come un fantasma che aleggia sulle squadre, pronto ad apparire con una lineetta sui test dei tamponi antigenici, magari asintomatico nel soggetto e quindi irriconoscibile senza il test. Riconosco di non essere mai stata una persona ansiosa, ma la situazione della pandemia ha veramente tirato fuori il peggio di noi. Perché quando il tuo lavoro dipende dall’accortezza nel sanificare sempre le mani, portare costantemente la mascherina, essere prudente nei luoghi pubblici e limitare i contatti esterni, tutto ciò non è vivere bene, anzi… è come stare sempre in bilico. 😐

Conosco ragazze, ex compagne di squadra, che mi hanno raccontato come è stato avere il covid19, non tanto per i sintomi più o meno gravi, quanto la reclusione in quattro mura di casa senza poter mantenere i muscoli attivi e l’arduo rientro in campo per tornare a giocare con ritmo alto. Ringrazio ogni giorno di avere un lavoro: un lavoro che mi appassiona, dal quale imparo sempre cose nuove ogni giorno, che mi fa sentire viva, felice di essere stanca alla sera prima di dormire. Un lavoro che ti fa sudare, a volte piangere, altre gioire, che ti fa divertire, che permette libertà di espressione in 81mq.

Comunque durante queste settimane, in cui l’Emilia Romagna è tornata gialla, io e le mie compagne abbiamo approfittato del bel tempo per farci qualche colazione fuori al bar o un pranzetto insieme, chiacchierare e alleggerire i pensieri. Inoltre la maggior parte di noi è impegnata nello studio universitario e anche su questo fronte gli impegni delle materie possono diventare pressanti.

Abbiamo svagato ulteriormente un po’ la testa giocando un’amichevole a settimana: lì ti rendi veramente conto di quanto manchi il GameDay, l’adrenalina, i riti scaramantici delle partite, il pubblico, festeggiare in pizzeria con le compagne… adesso un mondo capovolto.

Ora concentriamoci sul weekend: per gli amanti delle giratine o delle vasche in centro, come si direbbe in toscana, approfittate delle zone gialle o arancioni che il gioco della Strega Comanda Colore è sempre attivo e non sia mai che vi ritroviate in rosso!

Ritrovatevi a pranzo con la famiglia, a fare merenda fuori o un aperitivo anticipato dopo aver visto due vetrine della città o aver passeggiato nei vicoli di qualche borgo. E non dimentichiamoci che domenica sarà San Valentino, io la ritengo una festa ormai commerciale, ma è sempre un buon pretesto per sorprendere la persona che si ama. Vi prego di farmi una cortesia però: siate coerenti, sempre, 365 giorni l’anno, e non solo un giorno perché lo decide la tradizione. Scegliete la persona da avere al vostro fianco ogni giorno che passa, con piccole attenzioni quotidiane, non sarò io a elencarvi come si fa, magari posso darvi qualche consiglio nel prossimo articolo, ma non dimenticatevi di dare perché tutto torna indietro. 😊

Per l’occasione di San Valentino, vi lascio una ricetta facile poiché non dovrete montare gli albumi, e cioccolatosa per la vostre sorprese, magari se aveste uno stampo a cuore sarebbe tutto a tema.

Torta al cioccolato fondente

Ingredienti per uno stampo da 26cm:

  • 270gr di Cioccolato fondente e al latte
  • 4 uova
  • 170gr di zucchero
  • 120gr di burro
  • 3 cucchiai di farina 00

Procedimento:

Uniamo a bagnomaria il cioccolato e il burro tiepido, lo lavoriamo con la spatola fin quando non si è sciolto e successivamente togliamo la terrina dal pentolino e aggiungiamo la farina e amalgamiamo.

In un’altra ciotola montiamo con le fruste le uova e lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Ultimo passaggio che deve esser fatto con delicatezza, andiamo a unire i due composti con la spatola e versiamo il nuovo impasto in una teglia imburrata. Lasciamo cuocere a 180° per 25/30 min.

Prima di servire lasciate raffreddare la torta perché al suo interno sarà molto morbida.